anzianidisabilitàservizi socialisociale

“Al centro dell’azione amministrativa la persona, i servizi sociali e la salute” 

By Maggio 22, 2019 No Comments
“La salute prima di tutto”.
Non è solo un modo di dire per Monica Gambardella, ma il faro del programma politico del candidato sindaco del centro destra al Comune di Rovigo.

“I recenti dati pubblicati dal Sole 24 Ore rispetto all’indice sulla salute classificano Rovigo terzultima su 107 province italiane. E’ evidente la necessità di una maggiore collaborazione tra enti e istituzioni per migliorare complessivamente la qualità della vita della nostra popolazione, con una attenzione particolare alle fasce deboli.

Ci faremo quindi carico di progetti mirati che prevedano l’attività di cura e di assistenza agli anziani e agli ammalati.

Studieremo la possibilità di concedere Voucher da utilizzare nei confronti di enti convenzionati con il Comune affinché gli anziani, a Rovigo, possano rimanere nella loro abitazione il più a lungo possibile e ricevere aiuto da chi abita attorno. – spiega Gambardella –  Il coinvolgimento della “Consulta della Terza età” sarà utile per analizzare le problematiche e concertare possibili soluzioni, anche con la collaborazione di Ulss e Regione Veneto.

Un’importante mano all’opera pubblica, come sappiamo, viene sempre dalle associazioni per le quali creeremo la “Casa delle Associazioni”.

Il miglioramento della qualità della vita di chi è in difficoltà, passa anche da facilitazioni urbanistiche con l’abbattimento delle barriere architettoniche, il perfezionamento della segnaletica luminosa, acustica e tattile per migliorare l’accessibilità in città agli utenti con disabilità.

Da donna – continua Gambardella – non posso che avere una particolare attenzione al welfare femminile.

E’ per questo che mi impegnerò personalmente a stilare una progettazione a lungo termine, mirata a servizi per la tutela della donna e dei minori vittime di violenza, in collaborazione con la rete, le autorità, le istituzioni e le associazioni.

Le persone vengono prima di tutto, questa è frutto della mia educazione e formazione umanistica, che voglio infondere in tutta quella che sarà l’azione amministrativa nel caso in cui dovessi diventare il prossimo Sindaco di Rovigo”.